Economia circolare: Confartigianato premia il gruppo Nestlé

Nestlé è stata premiata per la piattaforma digitale realizzata per la raccolta differenziata “Dove lo butto?” e il progetto “KM0 Cardboard”.

Tutto ciò è avvenuto ad Assago, il 2 Dicembre 2021, quando la Nestlé Italiana si è vista premiare come “Best performer dell’economia circolare” 2020/2021 nella categoria Grande Impresa Manifatturiera. Un premio ideato da Confindustria con la collaborazione di Enel X ed Eni. Questo progetto è stato ideato con  l’obiettivo di valorizzare le aziende che investono in tecnologie per far crescere il business in chiave sostenibile e che hanno implementato soluzioni innovative di economia circolare.

I progetti che hanno portato alla vittoria

Il progetto: Dove lo butto?

Nestlé Italiana ha ottenuto questo importante riconoscimento grazie a due diversi progetti che l’azienda ha sviluppato a partire dal 2020 per potenziare ulteriormente il suo impegno verso una maggiore sostenibilità dei propri imballaggi.

Il primo è “Dove lo butto?”, la piattaforma digitale per la raccolta differenziata, realizzata con l’obiettivo di informare e aiutare i consumatori a smaltire correttamente i packaging dei prodotti Nestlé. Come? Attraverso la scansione del codice a barre presente sull’imballaggio e un sistema di geolocalizzazione.

Recentemente la web app è stata arricchita anche con il nuovo strumento dell’etichetta consapevole “digitale” per una maggiore sensibilizzazione sul tema dello spreco alimentare. Quest’ultima è un’iniziativa nata in collaborazione con Too Good To Go, l’app contro gli sprechi alimentari. La web app consente ai consumatori che utilizzano “Dove lo butto?” di ricevere informazioni per interpretare correttamente il termine minimo di conservazione (TMC) presente sul packaging dei prodotti. Inoltre, li invita a verificare se i prodotti siano ancora consumabili mediante l’utilizzo dei propri sensi (olfatto, vista e gusto).

Il progetto: Km0 Cardboard

Il secondo progetto premiato è “Km0 Cardboard”, realizzato grazie all’aiuto del produttore di imballaggi SADA (Campania) – e di Hera, nato dalla volontà delle imprese del territorio campano di sviluppare nuovi modelli produttivi che si basano dell’economia circolare. Attivando, così, una rete di collaborazione virtuosa tra le aziende locali.

Si tratta di un programma di economia circolare pensato con l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale del packaging in cartone ondulato utilizzato da Nestlé nel suo stabilimento Buitoni a Benevento per la produzione di pizze surgelate.

Grazie a questa iniziativa, Nestlé Italiana è riuscita a dar vita a un importante ciclo di produzione di imballaggi “a circuito chiuso”. Quest’ultimo prevede il ritiro degli scarti di carta e cartone prodotti presso lo stabilimento. Successivamente, attraverso varie fasi che coinvolgono anche altre imprese del territorio, vengono poi trasformati da SADA in nuovo packaging. Infine, Nestlé potrà utilizzarli per il trasporto dei suoi prodotti.

Come garantito da SADA, tutti gli impieghi della carta da riciclare sono tracciati secondo una Rete certificata in tutti i suoi passaggi. Inoltre, la certificazione EPD® del packaging “green” realizzato per Nestlé Italia consente di quantificare le riduzioni di impatto rispetto alla catena e al packaging utilizzato in precedenza.

Le parole di Nestlé

Siamo molto orgogliosi che sia stato riconosciuto il nostro impegno a lavorare ogni giorno in un’ottica di sostenibilità del business, generando un impatto positivo sull’ambiente e sulle comunità in cui operiamo”, ha dichiarato Marta SchiraldiSafety, Health, Environment e Sustainability Head del Gruppo Nestlé Italia. Dopo aver ritirato i premi ha aggiunto: “noi di Nestlé siamo convinti che in qualità di principale azienda alimentare al mondo abbiamo la responsabilità di lavorare per compiere passi in avanti per un futuro più sostenibile.”

La Vice Presidente di Confindustria ambiente, invece, aggiunge che Confindustria è molto impegnata sulla transizione green di cui l’economia circolare è uno degli assi portanti. Difatti, l’obiettivo del concorso Best performers, è quello di sensibilizzare e coinvolgere sempre di più il tessuto produttivo verso un uso efficiente delle risorse.

La storia del gruppo Nestlé

Il Gruppo Nestlé, presente in 187 Paesi con più di 2000 marche tra globali e locali, è l’azienda alimentare leader nel mondo. Si tratta di un gruppo attivo dal 1866 per la produzione e distribuzione di prodotti per la Nutrizione e la Salute delle persone. Il suo motto? Good food, Good life. Una vera e propria firma nel mondo.

Da più di 100 anni Nestlé si impegna ogni giorno con azioni concrete ad esprimere con i propri prodotti e le marche tutto il buono dell’alimentazione.

L’azienda opera in Italia in 9 categorie con un portafoglio di numerose marche che si impegnano costantemente per offrire prodotti buoni, nutrizionalmente bilanciati e con etichette trasparenti, tra questi: S.Pellegrino, Acqua Panna, Levissima, Bibite Sanpellegrino, Nespresso, Nescafé, Nesquik, Garden Gourmet,  Buitoni, Perugina e KitKat.

Questo elemento è stato inserito in News. Aggiungilo ai segnalibri.

Lascia un commento