Bergamo premia il trasporto in bicicletta con il progetto PinBike

Da adesso, a Bergamo c’è un motivo in più per scegliere di spostarsi in bicicletta: il Comune ha rilanciato Pin Bike, progetto sperimentale avviato nel 2020, che premia chi pedala con buoni sconto da utilizzare nei negozi della città.

L’iniziativa vuole incentivare la mobilità sostenibile all’interno del Comune attraverso modalità di “gaming”. Un sensore sulla bici monitora la pedalata e calcola la strada percorsa: per chi partecipa è previsto un rimborso di 0,25 centesimi al chilometro per le tratte casa-scuola e casa-lavoro, oltre a premi aggiuntivi.

I lavoratori e gli studenti maggiorenni che hanno il domicilio o la residenza all’interno del Comune possono partecipare e aggiudicarsi i voucher elettronici registrandosi sul sito Bergamo in bicicletta e scaricando l’app Pin Bike.

Come funziona PinBike

Il gaming – la componente di gioco del progetto – prevede tre diverse tipologie di premi. Esistono rimborsi chilometrici, in base alla distanza percorsa sulle tratte casa-scuola e casa-lavoro, premialità giornaliere aggiuntive per ogni sessione casa-Velostazione (il deposito per le bicilette di Bergamo) e premialità aggiuntive mensili sulla base del numero di sessioni pedalate all’interno del confine del Comune di Bergamo, sempre sui percorsi casa-scuola e casa-lavoro.

Il conteggio dei chilometri partirà il 3 Ottobre, ma ci si può già iscrivere online per prendere parte all’iniziativa. Chi si registrerà avrà diritto a uno speciale kit per monitorare la pedalata e contraddistinguere la propria bici con una targa che segnala la propria partecipazione a Pin Bike.

Verranno accolti i primi 500 cittadini disponibili, con un rimborso di 25 centesimi al chilometro con un massimo di rimborso di 30 euro al mese che saranno erogati sotto forma di voucher. Ci saranno poi premi extra per chi userà come destinazione finale del suo tragitto la velostazione. Il progetto avrà una durata di 3 mesi e partirà dal 3 Ottobre”, ha spiegato in una conferenza stampa l’assessore alla mobilità Stefano Zenoni.

Pin Bike è già attivo in altre città italiane e ha l’obiettivo di favorire la mobilità urbana sostenibile e la crescita di smart cities. Allo stesso tempo può contribuire a favorire l’economia locale, coinvolgendo gli esercenti che si rendono disponibili per l’utilizzo dei voucher.

Il sistema tecnologico a cui fa riferimento il Comune di Bergamo

ll sistema tecnologico è attivo nei Comuni di Bari, Foggia, Pescara, Bergamo e negli 11 Comuni del Patto della zona Ovest nell’Area Metropolitana di Torino, permettendo ai cittadini di ricevere fra i 20 e i 25 centesimi per km nelle tratte casa/scuola e casa/lavoro e fino a 4 centesimi nelle tratte generiche effettuate all’interno del perimetro urbano.

I risultati sono tangibili e soprattutto misurabili: dall’attivazione del sistema si è raggiunta una media fino a 7 km (urbani) al giorno a persona!

 

BergamobergamoBergamo

 

I vantaggi

  • Per il ciclista

Pin Bike ti fa entrare in una community ricca di premi e trasforma il tuo smartphone in un ciclocomputer, così da avere sempre sottomano velocità e percorrenze.

  • Per le grandi aziende

I mobility manager sono figure obbligatorie per molti Enti e grandi realtà aziendali. Pin Bike rende sostenibili gli spostamenti casa / lavoro. E se il luogo è difficilmente raggiungibile in bicicletta, il sistema prevede l’accumulo di punti anche tramite carpooling, condividendo l’auto tra i lavoratori.

  • Per le amministrazioni comunali

L’Amministrazione ottiene uno strumento economico, pratico e moderno per incentivare e monitorare l’utilizzo della bici nelle aree urbane.

  • Per gli esercenti

Pin Bike incentiva il commercio dato che il buono economico elargito al cittadino può essere speso esclusivamente nelle attività commerciali della città.

Leggi tutti gli altri articoli sulla sostenibilità e l’economia circolare qui 

Questo elemento è stato inserito in News. Aggiungilo ai segnalibri.

Lascia un commento